Posted on

Ah cara Trattorieblog,

rieccomi dopo le vacanze a parlare di locali.
Ho nuovamente avuto l’opportunità di andare a Roma per 5 gg, altro corso.
E così ho sperimentato alcuni ristoranti segnalati da Slowfood.

Il primo locale è IL MARGUTTA, situato a due passi da Piazza del Popolo.
La sua caratteristiche è quello di essere un ristorante vegetariano
dall’antipasto al dolce.
Non me l’aspettavo, ma è posto chic molto curato….. ed infatti anche il
prezzo della cena non è stato da meno circa 38 euro, ma ho voluto provare lo
stesso.
Ti servono un bel tris di burri amalgamati con caviale rosso, erbette e
tartufo da spalmare sul pane insieme ad un prosecco come aperitivo.
Ho proseguito con un caviale di melanzane e gerbere. Devo dire che è un
piatto leggero, fresco, ma amarognolo per cui attenzione. Un difetto: pochi
crostini su cui spalmare il tutto.
Come primo ho assaggiato volentieri dei Maltagliati con asparagi e
zafferano. Buona quantità e piatto.
Infine un bicchiere di talisker per chiudere, un pò caro come prezzo 9 euro.
Mezzo litro di bianco per condire il tutto. La cantina offre ottimi vini ma
solo bottiglie intere.
Da sottolineare la presenza di una splendida cameriera, non vogliatemi male
🙂

Vicino all’albergo dove ho soggiornato, vi è «Enrico», piazza Bologna come
riferimento. Cucina mediterranea, socievoli e abbastanza veloci nel
servizio. Enrico è un personaggio canterino e cordiale.
Al prezzo di 19,50, ho iniziato con una bruschetta composta da pachino,
carciofi e prosciutto crudo. Come primo orecchiette vongole e fiori di zucca
(una delizia), insalata rughetta e pachino, mezzo litro di rosso della casa,
caffè e grappa bianca secca.
Non vi è una scelta enorme sui vini.

Quartiere San Lorenzo, Il dito e la Luna.
A piedi da Termini è stata una faticaccia, al ritorno ho preferito il taxi.
Non posso dire che ne sia valsa la pena….
Ho cenato con Tonnarelli con funghi galletti e vongole e poi cernia passata
al forno in salsa siciliana. Della seconda ne avrei mangiato 2 quintali!!!
Infine mousse ghiaccata di pistacchi con crema di frutti di bosco, buona.
Il tutto con una spesa di 33 euro, aggiungendo due bicchieri di greco di
tufo.

Ok, finito il mio elenco!
Alla prossima,
Simone

«Uhm, come sei ingrassato…»
«E’ perchè mi curo. Cerco di mangiare molti grassi e di non fare tanto moto»